Cinematografia e film

La casa delle chiacchiere e del cazzeggio
Daniele87
Località: Zurigo
Messaggi: 81
Iscritto il: 13/05/2019, 11:37

Re: Cinematografia e film

31/07/2019, 11:43

Jimmy ha scritto: [quote=Blevins post_id=9832 time=<a href="tel:1563536120">1563536120</a> user_id=117]
[quote=Stock post_id=9827 time=<a href="tel:1563533725">1563533725</a> user_id=79]


Terrificante.
ahaha ma che è sto schifo?
[/quote]

Ma che è sta Merda?
[/quote]

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Credi che chi c'ha l'oro sia n'signore, l'oro pè me nun conta... conta er core
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

18/08/2019, 23:32

The Nest di Roberto De Feo

Un ragazzino in sedia a rotelle vive con la madre e un altro po' di gente dentro una villa immersa nel verde, senza nessun contatto con l'esterno. A quanto pare la madre tiene tutti rinchiusi in questa bolla con l'obiettivo di preservarli dai pericoli del mondo di fuori e per fondare una nuova società. L'arrivo improvviso di una coetanea del ragazzo nella casa gli aprirà una finestra verso l'esterno, oltre a scatenargli i primi pruriti.
Bel thriller horror finalmente a produzione italiana, ne escono pochi e quei pochi sono pure poca roba, questo si difende alla grande, anche se qualche scivolone in zona Boris lo rischia. Il problema è che non se lo vedrà nessuno perché è uscito nel momento più sfigato dell'anno, a ferragosto in mezzo a men in black, omini ragno e re leoni, e probabilmente incasserà 100 euro in tutto.
TestaNera
Località: ROMA
Messaggi: 140
Iscritto il: 13/05/2019, 11:47

19/08/2019, 14:46

Calibre, Piccola gemma su Netflix- Vincitore del Edinburgh International Film Festival 2018. A mio parere merita.
Paese che vai gente che trovi..
Il plot non lo metto per non spoilerare.
lucairr
Località: Roma
Messaggi: 15
Iscritto il: 13/05/2019, 13:49

20/08/2019, 8:18

Stock ha scritto:
18/08/2019, 23:32
The Nest di Roberto De Feo

Un ragazzino in sedia a rotelle vive con la madre e un altro po' di gente dentro una villa immersa nel verde, senza nessun contatto con l'esterno. A quanto pare la madre tiene tutti rinchiusi in questa bolla con l'obiettivo di preservarli dai pericoli del mondo di fuori e per fondare una nuova società. L'arrivo improvviso di una coetanea del ragazzo nella casa gli aprirà una finestra verso l'esterno, oltre a scatenargli i primi pruriti.
Bel thriller horror finalmente a produzione italiana, ne escono pochi e quei pochi sono pure poca roba, questo si difende alla grande, anche se qualche scivolone in zona Boris lo rischia. Il problema è che non se lo vedrà nessuno perché è uscito nel momento più sfigato dell'anno, a ferragosto in mezzo a men in black, omini ragno e re leoni, e probabilmente incasserà 100 euro in tutto.
Di De Feo vidi, svariati anni fa il suo primo corto, che mi pare poi vinse pure parecchi premi in giro per il mondo.

Avatar utente
Corso Trieste
Località: Roma
Messaggi: 172
Iscritto il: 12/05/2019, 10:26

20/08/2019, 8:40

TestaNera ha scritto:
19/08/2019, 14:46
Calibre, Piccola gemma su Netflix- Vincitore del Edinburgh International Film Festival 2018. A mio parere merita.
Paese che vai gente che trovi..
Il plot non lo metto per non spoilerare.
Condivido: Calibre e soprattutto Contratiempo sono probabilmente le due cose migliori uscite su Netflix.
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 861
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

20/08/2019, 9:12

Visto l'ultimo di Tarantino. Non voglio dire che è una cacata perché magari sono io a non averne colto il senso.
Però ecco, a me è sembrato una cacata.
Ultima modifica di blau-weiss il 20/08/2019, 14:46, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 1937
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

20/08/2019, 14:39

Bastardi senza Gloria.

Un tarantino meno splatter del solito.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
TestaNera
Località: ROMA
Messaggi: 140
Iscritto il: 13/05/2019, 11:47

20/08/2019, 15:09

Corso Trieste ha scritto:
20/08/2019, 8:40
TestaNera ha scritto:
19/08/2019, 14:46
Calibre, Piccola gemma su Netflix- Vincitore del Edinburgh International Film Festival 2018. A mio parere merita.
Paese che vai gente che trovi..
Il plot non lo metto per non spoilerare.
Condivido: Calibre e soprattutto Contratiempo sono probabilmente le due cose migliori uscite su Netflix.
Ahh vero. Contratiempo ti appiccica allo schermo. Non c'entra nulla ma hai visto Climax Di Noè?
Malatino forte.

sipasc70
Località: Rio de Janeiro, Rio de Janeiro
Messaggi: 82
Iscritto il: 15/05/2019, 12:12

20/08/2019, 22:44

lucairr ha scritto:
Stock ha scritto:
18/08/2019, 23:32
The Nest di Roberto De Feo

Un ragazzino in sedia a rotelle vive con la madre e un altro po' di gente dentro una villa immersa nel verde, senza nessun contatto con l'esterno. A quanto pare la madre tiene tutti rinchiusi in questa bolla con l'obiettivo di preservarli dai pericoli del mondo di fuori e per fondare una nuova società. L'arrivo improvviso di una coetanea del ragazzo nella casa gli aprirà una finestra verso l'esterno, oltre a scatenargli i primi pruriti.
Bel thriller horror finalmente a produzione italiana, ne escono pochi e quei pochi sono pure poca roba, questo si difende alla grande, anche se qualche scivolone in zona Boris lo rischia. Il problema è che non se lo vedrà nessuno perché è uscito nel momento più sfigato dell'anno, a ferragosto in mezzo a men in black, omini ragno e re leoni, e probabilmente incasserà 100 euro in tutto.
Di De Feo vidi, svariati anni fa il suo primo corto, che mi pare poi vinse pure parecchi premi in giro per il mondo.

Defeeee.....


INTER MERDA
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

26/09/2019, 22:04

Mammamia Tarantino. Il dio del cinema.
Blevins
Località: Roma
Messaggi: 831
Iscritto il: 12/05/2019, 8:07

02/10/2019, 20:06

Stock ha scritto:
26/09/2019, 22:04
Mammamia Tarantino. Il dio del cinema.
Immagine

Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 861
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

03/10/2019, 8:46

Stock ha scritto:
26/09/2019, 22:04
Mammamia Tarantino. Il dio del cinema.
Serio: perché ti è piaciuto? Film fine a se stesso. Due ore ad aspettare una trama e poi finisce.

Il mio commento il mese scorso:
blau-weiss ha scritto:
20/08/2019, 9:12
Visto l'ultimo di Tarantino. Non voglio dire che è una cacata perché magari sono io a non averne colto il senso.
Però ecco, a me è sembrato una cacata.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

03/10/2019, 11:06

blau-weiss ha scritto:
Stock ha scritto:
26/09/2019, 22:04
Mammamia Tarantino. Il dio del cinema.
Serio: perché ti è piaciuto? Film fine a se stesso. Due ore ad aspettare una trama e poi finisce.

Il mio commento il mese scorso:
blau-weiss ha scritto:
20/08/2019, 9:12
Visto l'ultimo di Tarantino. Non voglio dire che è una cacata perché magari sono io a non averne colto il senso.
Però ecco, a me è sembrato una cacata.
Be' nei film di tarantino la trama è l'ultima cosa che guardo sinceramente, specie nella seconda parte della carriera, diciamo da kill bill in poi, le trame sono diventate dei semplici pretesti dei quali lui si serve per fare altro, esplorare generi e linguaggi cinematografici, parlare di un'epoca o di un argomento. Questo ultimo film non ha una trama, la storia che doveva raccontare nelle premesse viaggia su un binario parallelo alla vicenda dei protagonisti. Il film si basa principalmente sulle masturbazioni di tarantino verso il cinema e la tv della sua infanzia, lui aveva mi pare 6 o 7 anni nel 1969 e quello che vedeva in tv erano probabilmente quei rimasugli di serie tv che lui cita e che fa mettere in scena a di caprio. Oltretutto lui era da poco arrivato a L.A. e quindi nei suoi ricordi d'infanzia ci sarà questa città che sta passando dall'epoca d'oro del cinema classico americano alla scoperta della cultura hippie, e che di lì a poco entrerà nella fase della nuova hollywood. Quindi sì, è il film più masturbatorio di tarantino, quindi capisco assolutamente che possa non piacere. Però oltre a quello che fa, c'è il come lo fa, e il come qui è una valanga di roba fatta appunto da dio del cinema quale è tarantino: il film è fluidissimo, un momento è una commedia, il momento dopo è un thriller (la scena della comune potrebbe essere tranquillamente un corto a sé stante), nelle scene in cui seguiamo la tate ha un tono sognante che non c'era mai stato in un film di tarantino. Cambi di registro e anche di tecnica, si vede che non vedeva l'ora di sperimentare e per tutto il film gioca con i formati e le diverse pellicole, piazza musica praticamente in ogni inquadratura e quando non c'è musica c'è comunque una radio o una tv in sottofondo, tra l'altro questo è forse il film meno dialogato di tarantino. Attori enormi che recitano alla grandissima, con tutta la bravura di tarantino nel cucirgli addosso personaggi fantastici. Penso solo alla scena in cui di caprio si rende conto che sta recitando di merda e si mette in testa di dimostrare a tutti che è bravo anche lui, in quella scena fa una roba che la maggior parte degli attori non fa in una carriera.
E poi c'è quel finale assurdo in cui dice ok, ho fatto il mio otto e mezzo, adesso però se permettete mi diverto un attimo.
Personalmente, dovrei rivederlo, ma non lo metto nemmeno nei primi tre nella mia classifica di tarantino, ciò non toglie che sia un film clamoroso. Quando vado a vede tarantino è come se tutto l'anno vedi la serie b e poi una sera vedi liverpool barcellona. Pure che finisce 0-0 avrai comunque visto una roba di un'altra categoria.
Dolso
Località: Milano
Messaggi: 121
Iscritto il: 11/05/2019, 22:51

04/10/2019, 14:36

A me il film di Tarantino è piaciuto tantissimo, anche se capisco che possa aver lasciato insoddisfatto chi in un film si aspetta una trama lineare con un senso ben definito. Va visto godendosi le varie situazioni che propone, i dialoghi, la musica, le strepitose prove degli attori, l'ambientazione in un Hollywood che non c'è più e che moriva proprio in quei giorni, con l' orribile fine di Shaton Tate a rappresentare simbolicamente la fine di un'epoca. Ma proprio qui c'è il genio di Tarantino, che si permette di reinventare una vicenda tragica che tutti conoscono, facendo vincere i buoni e regalando una fine terribile ai cattivi. Perché per Tarantino il cinema è più forte della vita reale e la può ricreare come vuole, renderla migliore.
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 861
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

04/10/2019, 15:37

Stock ha scritto:
03/10/2019, 11:06
blau-weiss ha scritto:
Stock ha scritto:
26/09/2019, 22:04
Mammamia Tarantino. Il dio del cinema.
Serio: perché ti è piaciuto? Film fine a se stesso. Due ore ad aspettare una trama e poi finisce.

Il mio commento il mese scorso:
blau-weiss ha scritto:
20/08/2019, 9:12
Visto l'ultimo di Tarantino. Non voglio dire che è una cacata perché magari sono io a non averne colto il senso.
Però ecco, a me è sembrato una cacata.
Be' nei film di tarantino la trama è l'ultima cosa che guardo sinceramente, specie nella seconda parte della carriera, diciamo da kill bill in poi, le trame sono diventate dei semplici pretesti dei quali lui si serve per fare altro, esplorare generi e linguaggi cinematografici, parlare di un'epoca o di un argomento. Questo ultimo film non ha una trama, la storia che doveva raccontare nelle premesse viaggia su un binario parallelo alla vicenda dei protagonisti. Il film si basa principalmente sulle masturbazioni di tarantino verso il cinema e la tv della sua infanzia, lui aveva mi pare 6 o 7 anni nel 1969 e quello che vedeva in tv erano probabilmente quei rimasugli di serie tv che lui cita e che fa mettere in scena a di caprio. Oltretutto lui era da poco arrivato a L.A. e quindi nei suoi ricordi d'infanzia ci sarà questa città che sta passando dall'epoca d'oro del cinema classico americano alla scoperta della cultura hippie, e che di lì a poco entrerà nella fase della nuova hollywood. Quindi sì, è il film più masturbatorio di tarantino, quindi capisco assolutamente che possa non piacere. Però oltre a quello che fa, c'è il come lo fa, e il come qui è una valanga di roba fatta appunto da dio del cinema quale è tarantino: il film è fluidissimo, un momento è una commedia, il momento dopo è un thriller (la scena della comune potrebbe essere tranquillamente un corto a sé stante), nelle scene in cui seguiamo la tate ha un tono sognante che non c'era mai stato in un film di tarantino. Cambi di registro e anche di tecnica, si vede che non vedeva l'ora di sperimentare e per tutto il film gioca con i formati e le diverse pellicole, piazza musica praticamente in ogni inquadratura e quando non c'è musica c'è comunque una radio o una tv in sottofondo, tra l'altro questo è forse il film meno dialogato di tarantino. Attori enormi che recitano alla grandissima, con tutta la bravura di tarantino nel cucirgli addosso personaggi fantastici. Penso solo alla scena in cui di caprio si rende conto che sta recitando di merda e si mette in testa di dimostrare a tutti che è bravo anche lui, in quella scena fa una roba che la maggior parte degli attori non fa in una carriera.
E poi c'è quel finale assurdo in cui dice ok, ho fatto il mio otto e mezzo, adesso però se permettete mi diverto un attimo.
Personalmente, dovrei rivederlo, ma non lo metto nemmeno nei primi tre nella mia classifica di tarantino, ciò non toglie che sia un film clamoroso. Quando vado a vede tarantino è come se tutto l'anno vedi la serie b e poi una sera vedi liverpool barcellona. Pure che finisce 0-0 avrai comunque visto una roba di un'altra categoria.
Ottima descrizione. E' un film, appunto, in cui Tarantino fa le pippe a se stesso. Quindi è un capolavoro per lui, chi lo adora a prescindere, ma che ha poco senso per chi come me non fa parte delle due categorie.
Avatar utente
neweagle
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/05/2019, 0:07

04/10/2019, 17:01

Come fa a non piacere a prescindere Tarantino
Questa è la Lazio, ed e sempre un'altra cosa.
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 861
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

04/10/2019, 17:25

neweagle ha scritto:
04/10/2019, 17:01
Come fa a non piacere a prescindere Tarantino
Ma a me piace, se no manco lo andavo a vedere. Ma, molto più degli altri, questo è un film fine a se stesso.
Avatar utente
neweagle
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/05/2019, 0:07

06/10/2019, 8:31

Joker grandissimo film.
Questa è la Lazio, ed e sempre un'altra cosa.
Avatar utente
Edo_88
Località: Guidonia
Messaggi: 1594
Iscritto il: 08/05/2019, 23:36

06/10/2019, 13:05

neweagle ha scritto:
06/10/2019, 8:31
Joker grandissimo film.
stasera vado a vederlo. Vediamo se trovo un orario tattico per non perdermi Inter-Juve
Avatar utente
Condan
Messaggi: 273
Iscritto il: 08/05/2019, 23:33

07/10/2019, 0:01

Joker film bellissimo.

Le rughe sul volto di Joaquin Phoenix sono meglio di qualsiasi effetto speciale e ti entrano dentro, profonde come il Grand Canyon. Contorcono con la loro devastante durezza la tela dello schermo del cinema.

Mi è piaciuto da morire.
Avatar utente
neweagle
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/05/2019, 0:07

08/10/2019, 0:37

Visto ora Tarantino.
Film di una bellezza stupefacente.
Il cinema che salva il cinema.
Me lo vedo in una cena con malati di cinema come lui, con i dialoghi su come la strage del 69 abbia segnato la morte del cinema e di come a lui viene in mente di salvarlo, e di raccontare una favola, nella quale gli eroi sono un attore in declino e la sua controfigura, gli attori, quelli veri, l'anima vera del cinema che lo salva, dalle degenerazioni interne e dagli attacchi esterni.

Un film definitivo.
Questa è la Lazio, ed e sempre un'altra cosa.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

10/10/2019, 5:24

Spettacolare Joker. Un po' paraculo tutto il sottotesto politico del film, ma interessante come a lui non gliene freghi nulla e sfrutti solo il momento per una rivalsa personale, ritrovandosi come simbolo di un movimento di protesta sociale senza volerlo, passando quasi per martire alla fine. Ribalta tutto il concetto su cui quel cretino di nolan aveva costruito la sua trilogia, che dopo questo Joker andrebbe presa e buttata nel cesso per quanto ne esce con le ossa rotte dal confronto. L'oscar a phoenix stavolta glielo portano direttamente a casa. Meritatissimo peraltro, fa impressione.
stig
Località: italia
Messaggi: 492
Iscritto il: 29/06/2019, 9:24

10/10/2019, 12:55

batman è della Lazio superman è della roma...(bisognerebbe riaprire il topic "il sole è della roma...,"del vecchio, vecchio ,forum :mrgreen: )
uno dei migliori attori di hollywood non poteva che tifare SSLAZIO :101
Gato
Messaggi: 1169
Iscritto il: 09/05/2019, 16:46

11/10/2019, 12:43

lucairr ha scritto:
Stock ha scritto:
18/08/2019, 23:32
The Nest di Roberto De Feo

Un ragazzino in sedia a rotelle vive con la madre e un altro po' di gente dentro una villa immersa nel verde, senza nessun contatto con l'esterno. A quanto pare la madre tiene tutti rinchiusi in questa bolla con l'obiettivo di preservarli dai pericoli del mondo di fuori e per fondare una nuova società. L'arrivo improvviso di una coetanea del ragazzo nella casa gli aprirà una finestra verso l'esterno, oltre a scatenargli i primi pruriti.
Bel thriller horror finalmente a produzione italiana, ne escono pochi e quei pochi sono pure poca roba, questo si difende alla grande, anche se qualche scivolone in zona Boris lo rischia. Il problema è che non se lo vedrà nessuno perché è uscito nel momento più sfigato dell'anno, a ferragosto in mezzo a men in black, omini ragno e re leoni, e probabilmente incasserà 100 euro in tutto.
Di De Feo vidi, svariati anni fa il suo primo corto, che mi pare poi vinse pure parecchi premi in giro per il mondo.

Il protagonista del corto, Damiano Russo, era un mio amico, morto qualche anno fa in un incidente in moto.
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 1937
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

11/10/2019, 17:10

Approfittando del sabato di riposo e della mancanza di calcio ero indeciso tra l'andare a vedere joker e il film di tarantino. Lette parecchie recensioni andrò su Joker.


Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
Takkar
Località: Roma
Messaggi: 968
Iscritto il: 17/05/2019, 22:39

11/10/2019, 17:17

Visti sia il film di Tarantino che Joker.

Due capolavori
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 1937
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

12/10/2019, 19:58

Joker un film che ti squarcia l'anima.

CA PO LA VO RO

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
Blevins
Località: Roma
Messaggi: 831
Iscritto il: 12/05/2019, 8:07

13/10/2019, 19:53

gecher
Blevins
Località: Roma
Messaggi: 831
Iscritto il: 12/05/2019, 8:07

15/10/2019, 22:08

perchè un film su un serial killer vittima di abusi che alla fine diventa beppe grillo e l'idolo della ggente contro la kasta, si intitola joker?
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

16/10/2019, 21:31

Blevins ha scritto:
15/10/2019, 22:08
perchè un film su un serial killer vittima di abusi che alla fine diventa beppe grillo e l'idolo della ggente contro la kasta, si intitola joker?
Be' dopo il borghese nichilista bombarolo e frocio latente di nolan va bene tutto...

scherzi a parte, è il binario paraculo del film. Sarebbe andato na bomba anche senza i grillini, ma trump evidentemente ha risvegliato tutte le coscienze americane, ora so tutti dalla parte del popolo povero e vessato.
Comunque io ho apprezzato, nel senso che lui dice chiaramente che di tutto quello non gliene frega una mazza, non vuole essere un simbolo eccetera ma pensa solo ai cazzacci suoi. Finché rimane sullo sfondo (e magari in un sequel viene usato da joker per prendere il potere a gotham) mi sta bene pure il m5s. E' una paraculata, una mossa per far sembrare il film più impegnato di quello che è, però alla fine non dà e non toglie nulla al personaggio che pure senza il V day sarebbe stato uguale identico. D'altra parte questi sapevano bene che sul piano del cinecomic spensierato e caciarone la marvel li sotterra, quindi si ributtano sul depresso dark impegnato che aveva fatto un figurone una decina d'anni fa. C'avevano provato con suicide squad, che ho visto distrattamente l'altra sera in tv. Dopo jared leto versione stanis sotto anfetamina me tengo beppe joker tutta la vita.
Avatar utente
Serse
Località: Roma
Messaggi: 372
Iscritto il: 09/05/2019, 11:08

17/10/2019, 9:49

Stock ha scritto:
Blevins ha scritto:
15/10/2019, 22:08
perchè un film su un serial killer vittima di abusi che alla fine diventa beppe grillo e l'idolo della ggente contro la kasta, si intitola joker?
Be' dopo il borghese nichilista bombarolo e frocio latente di nolan va bene tutto...

scherzi a parte, è il binario paraculo del film. Sarebbe andato na bomba anche senza i grillini, ma trump evidentemente ha risvegliato tutte le coscienze americane, ora so tutti dalla parte del popolo povero e vessato.
Comunque io ho apprezzato, nel senso che lui dice chiaramente che di tutto quello non gliene frega una mazza, non vuole essere un simbolo eccetera ma pensa solo ai cazzacci suoi. Finché rimane sullo sfondo (e magari in un sequel viene usato da joker per prendere il potere a gotham) mi sta bene pure il m5s. E' una paraculata, una mossa per far sembrare il film più impegnato di quello che è, però alla fine non dà e non toglie nulla al personaggio che pure senza il V day sarebbe stato uguale identico. D'altra parte questi sapevano bene che sul piano del cinecomic spensierato e caciarone la marvel li sotterra, quindi si ributtano sul depresso dark impegnato che aveva fatto un figurone una decina d'anni fa. C'avevano provato con suicide squad, che ho visto distrattamente l'altra sera in tv. Dopo jared leto versione stanis sotto anfetamina me tengo beppe joker tutta la vita.
Suicide Squad credo sia non il cinecomic peggiore di sempre, ma proprio il film peggiore di sempre.
Salvato solo da quella megafregna di Margot Robbie.

Inviato dal mio ONEPLUS A5000 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 861
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

20/10/2019, 14:28

Joker fantastico ma con il 99% degli attori in circolazione sarebbe stato un film normalissimo.
Avatar utente
mimmo
Località: Roma
Messaggi: 624
Iscritto il: 13/05/2019, 1:30

21/10/2019, 16:52

per gli amanti del genere horror suggerisco The hole.
horror psicologico molto soft, ma molto molto molto soft, veramente ben fatto.
mi è piaciuto.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 1822
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

22/10/2019, 1:08

Appena uscito da Shining, riportato in sala in occasione dell'uscita di Doctor Sleep in una versione rimasterizzata comprendente alcune scene tagliate.
Le scene tagliate, ad occhio circa 15 minuti, sono concentrate quasi tutte nella prima parte e aggiungono praticamente nulla, per lo più sono battute aggiuntive in dialoghi già presenti. Unica scena "nuova" degna di nota, Danny che viene visitato da una dottoressa, le racconta chi è Tony, e poco dopo Wendy racconta alla stessa dottoressa che Jack ha rotto il braccio al bambino in un momento d'ira. Tutte cose che veniamo comunque a sapere più avanti nel film, il che spiega perché la scena era stata tagliata. Le scene più che altro finiscono per appesantire il film che già di suo non è proprio una passeggiata. In generale a me ste riedizioni non piacciono troppo, specie quando vai a toccare maniaci del dettaglio come Kubrik, specie 20 anni dopo che è morto.
Resta il fatto che vedere shining in sala è stata un'esperienza, pure per me che il film lo sapevo a memoria.

Dopo i titoli di coda piccola featurette di doctor sleep in cui si vedono tipo 50 personaggi e degli effetti speciali brutti. Preoccupante.
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 1937
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

22/10/2019, 13:15

Stock ha scritto:Appena uscito da Shining, riportato in sala in occasione dell'uscita di Doctor Sleep in una versione rimasterizzata comprendente alcune scene tagliate.
Le scene tagliate, ad occhio circa 15 minuti, sono concentrate quasi tutte nella prima parte e aggiungono praticamente nulla, per lo più sono battute aggiuntive in dialoghi già presenti. Unica scena "nuova" degna di nota, Danny che viene visitato da una dottoressa, le racconta chi è Tony, e poco dopo Wendy racconta alla stessa dottoressa che Jack ha rotto il braccio al bambino in un momento d'ira. Tutte cose che veniamo comunque a sapere più avanti nel film, il che spiega perché la scena era stata tagliata. Le scene più che altro finiscono per appesantire il film che già di suo non è proprio una passeggiata. In generale a me ste riedizioni non piacciono troppo, specie quando vai a toccare maniaci del dettaglio come Kubrik, specie 20 anni dopo che è morto.
Resta il fatto che vedere shining in sala è stata un'esperienza, pure per me che il film lo sapevo a memoria.

Dopo i titoli di coda piccola featurette di doctor sleep in cui si vedono tipo 50 personaggi e degli effetti speciali brutti. Preoccupante.
Meglio che non lo faccio presente a mia moglie sto fatto di doctor sleep... Mi ha fatto due coglioni così per il rifacimento di IT che levate.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur

Torna a “Ponte Milvio”