Lingue [topic serio]

La casa delle chiacchiere e del cazzeggio
Avatar utente
Manuel89
Messaggi: 152
Iscritto il: 11/05/2019, 23:50

Lingue [topic serio]

07/07/2019, 21:20

Che lingue parlate e a che livello?
Poi, perché? Passione, studi o genitori/parenti/amici che vi hanno insegnato quella determinata lingua?
Qualcuna che non conoscete ma che vi ha sempre affascinato o vorreste saperla per semplice "utilità" (tipo io me imparerei il cinese solo per entra' nei loro negozi e capì de che cazzo confabulano).

Personalmente parlando, oltre all'ovvio italiano, credo di sapere discretamente bene l'inglese, per carità, qualche volta la lingua è ancora più veloce del cervello, ma oltre a sopravvivere, quando mi sono relazionato con persone negli States, si facevano anche discorsi un po' più articolati. Ho più difficoltà però con l'inglese anglosassone, l'accento loro mi incula facile e capisco la metà di quello che capisco con quello americano, troppa abitudine a film, telefilm e videogiochi con doppiaggio americano. Ovviamente il grosso l'avevo fatto a scuola, ho avuto la fortuna che tra elementari, medie e primo anno di superiori, c'avevo maestre e professoresse che insegnavano per bene la materia (poi chiaro che serve sempre l'interesse del diretto interessato).

Fino a qualche anno fa parlavo il portoghese "brasiliano", ma al semplice livello "turista", andavo molto meglio quando dovevo leggere. Studiato completamente a casa online.

Alle medie feci anche 3 anni di francese oltre all'inglese, andavo anche bene, ma è una lingua che ho perso totalmente, non l'ho più esercitata o studiata, sicuramente a rileggere/ristudiare qualcosa, la testa riporterebbe determinate cose a riva, ma ora come ora sto fermo veramente a "je m'appelle".

Oggi come oggi invece sto provando a studiare il giapponese, cominciato da poco perché ho rimediato online un botto di libri (in inglese) a riguardo. Pare una follia pura, vediamo quanto duro, ma mi sta piacendo. Chiaramente c'è tutta una mia passione dietro per la terra del sol levante.

A livello di utilità, probabilmente non mi dispiacerebbe imparare pure lo spagnolo, in futuro.
Le lingue sono una mia passione da sempre, tant'è che un po' mi pento di non aver fatto una scuola superiore diversa, di sicuro mi sarei "divertito" e impegnato (e mi sarebbe rimasto) di più con in linguistico.

Voi come state messi?
Immagine
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 363
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

07/07/2019, 23:24

Inglese bene
Italiano molto bene
Milanese
Veneto
Romano.
Odio il francese
Mi intriga la lingua spagnola

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk


Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
Avatar utente
JANVS IX-I-MCM
Località: Roma
Messaggi: 125
Iscritto il: 12/05/2019, 1:28

07/07/2019, 23:57

Manuel89 ha scritto:
07/07/2019, 21:20
Che lingue parlate e a che livello?
Poi, perché? Passione, studi o genitori/parenti/amici che vi hanno insegnato quella determinata lingua?
Qualcuna che non conoscete ma che vi ha sempre affascinato o vorreste saperla per semplice "utilità" (tipo io me imparerei il cinese solo per entra' nei loro negozi e capì de che cazzo confabulano).

Personalmente parlando, oltre all'ovvio italiano, credo di sapere discretamente bene l'inglese, per carità, qualche volta la lingua è ancora più veloce del cervello, ma oltre a sopravvivere, quando mi sono relazionato con persone negli States, si facevano anche discorsi un po' più articolati. Ho più difficoltà però con l'inglese anglosassone, l'accento loro mi incula facile e capisco la metà di quello che capisco con quello americano, troppa abitudine a film, telefilm e videogiochi con doppiaggio americano. Ovviamente il grosso l'avevo fatto a scuola, ho avuto la fortuna che tra elementari, medie e primo anno di superiori, c'avevo maestre e professoresse che insegnavano per bene la materia (poi chiaro che serve sempre l'interesse del diretto interessato).

Fino a qualche anno fa parlavo il portoghese "brasiliano", ma al semplice livello "turista", andavo molto meglio quando dovevo leggere. Studiato completamente a casa online.

Alle medie feci anche 3 anni di francese oltre all'inglese, andavo anche bene, ma è una lingua che ho perso totalmente, non l'ho più esercitata o studiata, sicuramente a rileggere/ristudiare qualcosa, la testa riporterebbe determinate cose a riva, ma ora come ora sto fermo veramente a "je m'appelle".

Oggi come oggi invece sto provando a studiare il giapponese, cominciato da poco perché ho rimediato online un botto di libri (in inglese) a riguardo. Pare una follia pura, vediamo quanto duro, ma mi sta piacendo. Chiaramente c'è tutta una mia passione dietro per la terra del sol levante.

A livello di utilità, probabilmente non mi dispiacerebbe imparare pure lo spagnolo, in futuro.
Le lingue sono una mia passione da sempre, tant'è che un po' mi pento di non aver fatto una scuola superiore diversa, di sicuro mi sarei "divertito" e impegnato (e mi sarebbe rimasto) di più con in linguistico.

Voi come state messi?
Per conoscere diverse lingue devi avere una certa predisposizione mentale. L'inglese è una lingua che mal sopporto. La conosco, ma non avendo modo di praticarla spesso, faccio fatica a parlarla. Un periodo da autodidatta mi ero avvicinato al russo. Una volta imparato l'alfabeto cirillico, risulta essere molto più semplice dell'inglese. Le parole si leggono così come sono scritte, senza pronunce strane (ogni lettera ha il proprio suono e così rimane) e soprattutto un testo tradotto dall'italiano al russo e viceversa rimane tale e quale.
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 57
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

08/07/2019, 6:11

JANVS IX-I-MCM ha scritto:
07/07/2019, 23:57
Manuel89 ha scritto:
07/07/2019, 21:20
Che lingue parlate e a che livello?
Poi, perché? Passione, studi o genitori/parenti/amici che vi hanno insegnato quella determinata lingua?
Qualcuna che non conoscete ma che vi ha sempre affascinato o vorreste saperla per semplice "utilità" (tipo io me imparerei il cinese solo per entra' nei loro negozi e capì de che cazzo confabulano).

Personalmente parlando, oltre all'ovvio italiano, credo di sapere discretamente bene l'inglese, per carità, qualche volta la lingua è ancora più veloce del cervello, ma oltre a sopravvivere, quando mi sono relazionato con persone negli States, si facevano anche discorsi un po' più articolati. Ho più difficoltà però con l'inglese anglosassone, l'accento loro mi incula facile e capisco la metà di quello che capisco con quello americano, troppa abitudine a film, telefilm e videogiochi con doppiaggio americano. Ovviamente il grosso l'avevo fatto a scuola, ho avuto la fortuna che tra elementari, medie e primo anno di superiori, c'avevo maestre e professoresse che insegnavano per bene la materia (poi chiaro che serve sempre l'interesse del diretto interessato).

Fino a qualche anno fa parlavo il portoghese "brasiliano", ma al semplice livello "turista", andavo molto meglio quando dovevo leggere. Studiato completamente a casa online.

Alle medie feci anche 3 anni di francese oltre all'inglese, andavo anche bene, ma è una lingua che ho perso totalmente, non l'ho più esercitata o studiata, sicuramente a rileggere/ristudiare qualcosa, la testa riporterebbe determinate cose a riva, ma ora come ora sto fermo veramente a "je m'appelle".

Oggi come oggi invece sto provando a studiare il giapponese, cominciato da poco perché ho rimediato online un botto di libri (in inglese) a riguardo. Pare una follia pura, vediamo quanto duro, ma mi sta piacendo. Chiaramente c'è tutta una mia passione dietro per la terra del sol levante.

A livello di utilità, probabilmente non mi dispiacerebbe imparare pure lo spagnolo, in futuro.
Le lingue sono una mia passione da sempre, tant'è che un po' mi pento di non aver fatto una scuola superiore diversa, di sicuro mi sarei "divertito" e impegnato (e mi sarebbe rimasto) di più con in linguistico.

Voi come state messi?
Per conoscere diverse lingue devi avere una certa predisposizione mentale. L'inglese è una lingua che mal sopporto. La conosco, ma non avendo modo di praticarla spesso, faccio fatica a parlarla. Un periodo da autodidatta mi ero avvicinato al russo. Una volta imparato l'alfabeto cirillico, risulta essere molto più semplice dell'inglese. Le parole si leggono così come sono scritte, senza pronunce strane (ogni lettera ha il proprio suono e così rimane) e soprattutto un testo tradotto dall'italiano al russo e viceversa rimane tale e quale.
Ma tolta la fonetica non si può paragonare a livello di semplicità l'inglese con una lingua slava. Basta pensare che hanno declinazioni e verbi diversi a seconda del tempo verbale.
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 57
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

08/07/2019, 6:15

Italiano, ovviamente, e inglese piuttosto bene dato che lo uso per lavoro e lo parlo tutti i giorni.
Spagnolo abbastanza bene.
Ora sto imparando il polacco. Dopo quasi un anno di studio riesco ad avere delle conversazioni semplici. Che lingua di merda.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 300
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

08/07/2019, 7:49

Che bello che bisogna specificare [topic serio] ahahahahah
Kikkus
Messaggi: 38
Iscritto il: 11/05/2019, 23:05

08/07/2019, 8:18

le casalingue (cit.)
cinqueditadiviolenza
Località: Roma
Messaggi: 115
Iscritto il: 13/05/2019, 15:58

08/07/2019, 8:29

Parlavo benino l'inglese, tanti fumetti, videogiochi, film in lingua originale, e tre anni di lavoro ai musei vaticani, ora lo capisco ma non lo parlo più così bene, anzi!

Avevo cominciato a studiare il portoghese brasiliano ma solo un'infarinatura.

Ai tempi dell'università avevo cominciato a studiare il sanscrito, la lingua con la grammatica più difficile in assoluto.
Avatar utente
Ama_la_Lazio
Località: Roma
Messaggi: 24
Iscritto il: 12/05/2019, 7:34

08/07/2019, 9:41

Da quando qualche anno fa la società petrolifera per cui lavoro è stata acquisita da una multinazionale americana , parlo più inglese che italiano e le riunioni le facciamo spesso in videoconferenza alle 8 di sera (con tutti i problemi che comporta l'essere lucidi dopo 9/10 ore di lavoro ( :39 ), di contro ho il vantaggio di potermi vedere le serie tv in lingua originale e guardare poco i sottotitoli :53

Conosco, solo in ambito tecnico il francese, anche qui solo per questioni lavorative passate, ma lo sto velocemente dimenticando.

Personalmente se nel 2019 non conosci l'inglese almeno a livello di sopravvivenza, ovvero 3/400 parole, ne vedo tanti in ufficio da me, qualche domanda sul tuo percorso di studi/professionale/culturale dovresti fartela.
Avatar utente
Edo_88
Località: Guidonia
Messaggi: 373
Iscritto il: 08/05/2019, 23:36

08/07/2019, 10:23

Inglese e spagnolo li parlo abbastanza bene
il francese l'ho studiato dalla terza elementare fino al quinto liceo ma non me ricordo un cazzo, perché l'ho sempre odiato. Con qualche birra però riesco ancora ad intavolare qualche conversazione
Mi piacerebbe imparare l'Arabo. Mo quasi quasi compro un libro ed ingaggio qualche egiziano fruttivendolo
cinqueditadiviolenza
Località: Roma
Messaggi: 115
Iscritto il: 13/05/2019, 15:58

08/07/2019, 11:10

Comunque bel topic sul serio, le lingue sono meravigliose, avessi tempo le studierei a dovere, mia moglie parla un ottimo francese, quando lo fa io le bacio il braccio come Gomez con Morticia
Avatar utente
Massimo G
Località: Roma
Messaggi: 156
Iscritto il: 12/05/2019, 10:04

08/07/2019, 11:30

livello elementary di inglese
Boia chi molla!
Il Sigaro
Località: Roma
Messaggi: 134
Iscritto il: 16/05/2019, 10:26

08/07/2019, 12:12

Romanesco buono
Italiano buono
Spic inglisc olmost gud
Parle fransé anpetipé
Doicc: Grundig, Telefunken, Aufidersèn, Gott mit Uns e poche altre parole.
Curiosity
Località: Roma
Messaggi: 70
Iscritto il: 17/05/2019, 19:54

08/07/2019, 12:33

Il mio inglese parlato credo che suoni agli anglofoni tipo:

Scusi dove essere bagno.
Oggi veramente bella giornata.

Cmq mi faccio capire abbastanza, mai avuto problemi all'estero. Viceversa lo comprendo molto molto bene, sopratutto l'americano invero, diverso, e non poco dall'inglese.

Merito delle numerose serie tv subbate, e dell'ascolto praticamente di solo musica anglofona da quando ero in fasce.

Capisco bene il francese, avendolo studiato a scuola, mi divertivo poi moltissimo a vedere su ANTENNE 2 Des chiffres et des lettres, in Italia poi ripreso e diventato IL PAROLIAMO condotto dalla buonanima de Frizzi. Lo portai addirittura come materia d'esame alla maturità nell'orale.

Purtroppo non lo parlo più tanto bene, peccato mi piaceva molto, ma dubito che adesso prendo e vado a pagarmi un corso di francese. Per cui ADIEU.

Desidererei molto parlare il crucco (mi dicono difficilissimo) ed il russo.

P.S.
Calcolando la mia età, il mio percorso di studi, ed il fatto che a lavoro non mi serve. Devo dire che tra gli ex compagni di scuola nella mia stessa condizione, sono probabilmente quello che parla e capisce l'inglese meglio di tutti.
Avatar utente
Manuel89
Messaggi: 152
Iscritto il: 11/05/2019, 23:50

08/07/2019, 14:06

Curiosity ha scritto:
08/07/2019, 12:33
Il mio inglese parlato credo che suoni agli anglofoni tipo:

Scusi dove essere bagno.
Oggi veramente bella giornata.

Cmq mi faccio capire abbastanza, mai avuto problemi all'estero. Viceversa lo comprendo molto molto bene, sopratutto l'americano invero, diverso, e non poco dall'inglese.

Merito delle numerose serie tv subbate, e dell'ascolto praticamente di solo musica anglofona da quando ero in fasce.

Capisco bene il francese, avendolo studiato a scuola, mi divertivo poi moltissimo a vedere su ANTENNE 2 Des chiffres et des lettres, in Italia poi ripreso e diventato IL PAROLIAMO condotto dalla buonanima de Frizzi. Lo portai addirittura come materia d'esame alla maturità nell'orale.

Purtroppo non lo parlo più tanto bene, peccato mi piaceva molto, ma dubito che adesso prendo e vado a pagarmi un corso di francese. Per cui ADIEU.

Desidererei molto parlare il crucco (mi dicono difficilissimo) ed il russo.

P.S.
Calcolando la mia età, il mio percorso di studi, ed il fatto che a lavoro non mi serve. Devo dire che tra gli ex compagni di scuola nella mia stessa condizione, sono probabilmente quello che parla e capisce l'inglese meglio di tutti.
Porca puttana l'avevo rimosso, quando ci capitavo mi fermano sempre a vederlo :101
Immagine
Curiosity
Località: Roma
Messaggi: 70
Iscritto il: 17/05/2019, 19:54

08/07/2019, 21:08

Era ipnotico " voyelle" "consonne". Ma infatti in francese ero un manico. M'ero buttato a guardà de tutto. Pure adesso ogni tanto le trasmissioni politiche. Da ascoltare non mi piace molto ma da parlare mi da piacere proprio parlarlo.
Avatar utente
JANVS IX-I-MCM
Località: Roma
Messaggi: 125
Iscritto il: 12/05/2019, 1:28

08/07/2019, 22:00

blau-weiss ha scritto:
08/07/2019, 6:11
JANVS IX-I-MCM ha scritto:
07/07/2019, 23:57
Manuel89 ha scritto:
07/07/2019, 21:20
Che lingue parlate e a che livello?
Poi, perché? Passione, studi o genitori/parenti/amici che vi hanno insegnato quella determinata lingua?
Qualcuna che non conoscete ma che vi ha sempre affascinato o vorreste saperla per semplice "utilità" (tipo io me imparerei il cinese solo per entra' nei loro negozi e capì de che cazzo confabulano).

Personalmente parlando, oltre all'ovvio italiano, credo di sapere discretamente bene l'inglese, per carità, qualche volta la lingua è ancora più veloce del cervello, ma oltre a sopravvivere, quando mi sono relazionato con persone negli States, si facevano anche discorsi un po' più articolati. Ho più difficoltà però con l'inglese anglosassone, l'accento loro mi incula facile e capisco la metà di quello che capisco con quello americano, troppa abitudine a film, telefilm e videogiochi con doppiaggio americano. Ovviamente il grosso l'avevo fatto a scuola, ho avuto la fortuna che tra elementari, medie e primo anno di superiori, c'avevo maestre e professoresse che insegnavano per bene la materia (poi chiaro che serve sempre l'interesse del diretto interessato).

Fino a qualche anno fa parlavo il portoghese "brasiliano", ma al semplice livello "turista", andavo molto meglio quando dovevo leggere. Studiato completamente a casa online.

Alle medie feci anche 3 anni di francese oltre all'inglese, andavo anche bene, ma è una lingua che ho perso totalmente, non l'ho più esercitata o studiata, sicuramente a rileggere/ristudiare qualcosa, la testa riporterebbe determinate cose a riva, ma ora come ora sto fermo veramente a "je m'appelle".

Oggi come oggi invece sto provando a studiare il giapponese, cominciato da poco perché ho rimediato online un botto di libri (in inglese) a riguardo. Pare una follia pura, vediamo quanto duro, ma mi sta piacendo. Chiaramente c'è tutta una mia passione dietro per la terra del sol levante.

A livello di utilità, probabilmente non mi dispiacerebbe imparare pure lo spagnolo, in futuro.
Le lingue sono una mia passione da sempre, tant'è che un po' mi pento di non aver fatto una scuola superiore diversa, di sicuro mi sarei "divertito" e impegnato (e mi sarebbe rimasto) di più con in linguistico.

Voi come state messi?
Per conoscere diverse lingue devi avere una certa predisposizione mentale. L'inglese è una lingua che mal sopporto. La conosco, ma non avendo modo di praticarla spesso, faccio fatica a parlarla. Un periodo da autodidatta mi ero avvicinato al russo. Una volta imparato l'alfabeto cirillico, risulta essere molto più semplice dell'inglese. Le parole si leggono così come sono scritte, senza pronunce strane (ogni lettera ha il proprio suono e così rimane) e soprattutto un testo tradotto dall'italiano al russo e viceversa rimane tale e quale.
Ma tolta la fonetica non si può paragonare a livello di semplicità l'inglese con una lingua slava. Basta pensare che hanno declinazioni e verbi diversi a seconda del tempo verbale.
Dell'inglese conosco la grammatica, riesco a capire un testo scritto quasi del tutto, un po' meno il parlato ma tutto sommato capisco il senso del discorso. Però non l'ho mai digerita come lingua. È un mio limite.
Borderline
Località: Roma
Messaggi: 3
Iscritto il: 18/05/2019, 8:44

09/07/2019, 14:28

Inglese molto sopra la media, quasi bilingue. La mia ragazza è americana, ho insegnato inglese anche in Thailandia, vissuto per un pò a Chicago, lavoro solo con turisti di lingua inglese.

Spagnolo a livello basico/intermedio.

Thai a livello molto basico per via dell’anno e mezzo quasi due passati a Bangkok.

Vorrei imparare il francese e lo spagnolo bene. Mi stimola l’idea di imparare il tedesco.
Contea
Messaggi: 22
Iscritto il: 11/05/2019, 23:18

09/07/2019, 19:14

Italiano e tedesco: madrelingua
Inglese: come un madrelingua
Spagnolo molto bene
Turco (mia moglie é turca): me la cavicchio..forse la lingua più difficile che abbia mai imparato
Greco (ho vissuto 3 anni e mezzo im Grecia): a volte capisco il senso del discorso, ricordo qualche parola ma nulla più
Daniele_1991
Messaggi: 118
Iscritto il: 11/05/2019, 21:52

09/07/2019, 20:15

Italiano madrelingua.
Inglese benino, diciamo un B2.
Avatar utente
neweagle
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/05/2019, 0:07

11/07/2019, 11:43

Italiano male
Questa è la Lazio, ed e sempre un'altra cosa.
Palatino
Località: Roma
Messaggi: 17
Iscritto il: 16/05/2019, 10:12

11/07/2019, 12:01

Contea ha scritto:Italiano e tedesco: madrelingua
Inglese: come un madrelingua
Spagnolo molto bene
Turco (mia moglie é turca): me la cavicchio..forse la lingua più difficile che abbia mai imparato
Greco (ho vissuto 3 anni e mezzo im Grecia): a volte capisco il senso del discorso, ricordo qualche parola ma nulla più
Manco a facce senti' così inadeguati, ennamo su.

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Stock
Messaggi: 300
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

11/07/2019, 18:18

Felice di non essere l'unico col problema inglese americano / inglese inglese. Il primo ormai tra serie e film lo capisco al volo, il secondo faccio proprio fatica. E dire che per tutti gli anni della scuola ho avuto insegnanti fissati parecchio con la pronuncia dell'inglese. Forse conta il fatto che la pronuncia americana è più semplice per il nostro orecchio.
Va detto che quando fottono la terza persona (tipo he don't) me flippa il cervello.
Avatar utente
Edo_88
Località: Guidonia
Messaggi: 373
Iscritto il: 08/05/2019, 23:36

12/07/2019, 1:12

Stock ha scritto:Felice di non essere l'unico col problema inglese americano / inglese inglese. Il primo ormai tra serie e film lo capisco al volo, il secondo faccio proprio fatica. E dire che per tutti gli anni della scuola ho avuto insegnanti fissati parecchio con la pronuncia dell'inglese. Forse conta il fatto che la pronuncia americana è più semplice per il nostro orecchio.
Va detto che quando fottono la terza persona (tipo he don't) me flippa il cervello.
Per me invece è il contrario.
Quest’autunno a new york ho avuto, appena arrivato, molte difficoltà con il comprendere quello che me dicevano. Non capivo un cazzo, tant è che pensavo il mio inglese fosse drasticamente peggiorato.
Poi mentre ero con Giovanni davanti al Lazio Club, si è fermata una ragazza inglese che, vista la bandiera del west ham, ha attaccato bottone. La riuscivo a comprendere senza la minima difficoltà, così ho capito che il problema erano gli americani e non io. Solo dopo qualche giorno mi sono abituato


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Manuel89
Messaggi: 152
Iscritto il: 11/05/2019, 23:50

12/07/2019, 2:31

Comunque ho finito con l'Hiragana, simpatico il fatto di dover accantonare il tutto e ricominciare con il Katakana :mrgreen: , a fine secondo "alfabeto" prevedo i miscugli veri :10
Poi i simpatici Kanji, che tanto manco i giapponesi ne conoscono tanti.
Immagine

Torna a “Ponte Milvio”