Ciao Mario

Gabriele, Vincenzo e tutti gli altri
Oscar70
Località: Umbria
Messaggi: 724
Iscritto il: 14/05/2019, 14:45

Ciao Mario

24/08/2021, 21:30

Oltre il giornalista e la grande professionalità ho sempre ammirato il modo in cui narrava antiche storie e personaggi del mondo Laziale,lo ricorderò sempre con grande affetto e profonda stima.
Ciao Mario e grazie di tutto

Ps:a tal proposito mi piace riportare un suo intervento radiofonico in occasione dei 120 anni

“Nel giorno dei 120 anni devo dire che i tifosi della Lazio sono stati grandi, pensando alle origini. I fondatori non pensavano certo di arrivare ad un anniversario così importante, non avevano fondatori, padrini o finanziatori ma sono riusciti a creare un’idea capace di andare oltre il Secolo. Come se si immaginasse un corteo capace di scalare montagne e ostacoli e di diventare un popolo partendo da un gruppo di 9 persone. Dal punto di vista sentimentale la Lazio è unica, non è una società qualunque ma è un movimento, un’idea, qualcosa che va al di là della semplice squadra di calcio.”

“La Polisportiva ha ormai decine e decine di sezioni, non riesco ad immaginare un’altra società che ha questo slancio e questa espansione, si è arrivati a questo appuntamento dei 120 anni con la prima squadra in prima pagina dappertutto. Il rammarico è che un giornale della Gazzetta dello Sport, di cui sono stato caporedattore dell’edizione di Roma, non abbia dedicato una sola parola a un anniversario così importante.”




“E’ impossibile isolare dei nomi singoli per rappresentare la storia della Lazio: il mio grande idolo è stato Silvio Piola, grandissimi calciatori come Chinaglia, Giordano, Signori e ora Immobile e anche quelli meno conosciuti alle ribalte nazionali come Fabio Poli e il suo gol nello spareggio di Napoli. Dal piccolo Vettraino che si presentò allo stadio di Genova per esordire in Serie A per giocare contro il Liguria e si ritrovò un addetto che lo bloccò perché era troppo giovane, servì chiamare qualcuno per farlo entrare in campo e segnare uno dei gol più strepitosi della storia, su una palla lunga si avventò scavalcando di testa il portiere e segnando il gol dell’1-0. Piola che segna e vince il derby da solo con la fronte spaccata e poi fasciata e la faccia insanguinata.”

“Importante ricordare figure importanti come Nesta, Gradella ma anche i grandi presidenti come Lenzini, Cragnotti e anche Lotito che nonostante le grandi avversità che ha dovuto attraversare ha portato di nuovo la squadra ai vertici oltre a regalare grande solidità finanziaria. E poi mi commuovo pensando al generale Giorgio Vaccaro: quando compì 80 anni scrissi sulla Gazzetta dello Sport su come onorare la ricorrenza e mi chiamò invitandomi a casa sua, nell’articolo gli dissi: “Lasci stare chi ha voluto infangare il suo nome, gli italiani per bene sono tutti con lei.” Mi portò a casa e ricordo che rimasi incantato nel vedere il suo nome su una collezione di “Calcio Illustrato” con una dedica per lui. Questi sono stati i più grandi dirigenti della Lazio assieme ad Olindo Bitetti, senza di loro la Lazio non sarebbe arrivata ai 120 anni.”


“Nel giorno dei 120 anni devo dire che i tifosi della Lazio sono stati grandi, pensando alle origini. I fondatori non pensavano certo di arrivare ad un anniversario così importante, non avevano fondatori, padrini o finanziatori ma sono riusciti a creare un’idea capace di andare oltre il Secolo. Come se si immaginasse un corteo capace di scalare montagne e ostacoli e di diventare un popolo partendo da un gruppo di 9 persone. Dal punto di vista sentimentale la Lazio è unica, non è una società qualunque ma è un movimento, un’idea, qualcosa che va al di là della semplice squadra di calcio.”

“La Polisportiva ha ormai decine e decine di sezioni, non riesco ad immaginare un’altra società che ha questo slancio e questa espansione, si è arrivati a questo appuntamento dei 120 anni con la prima squadra in prima pagina dappertutto. Il rammarico è che un giornale della Gazzetta dello Sport, di cui sono stato caporedattore dell’edizione di Roma, non abbia dedicato una sola parola a un anniversario così importante.”




“E’ impossibile isolare dei nomi singoli per rappresentare la storia della Lazio: il mio grande idolo è stato Silvio Piola, grandissimi calciatori come Chinaglia, Giordano, Signori e ora Immobile e anche quelli meno conosciuti alle ribalte nazionali come Fabio Poli e il suo gol nello spareggio di Napoli. Dal piccolo Vettraino che si presentò allo stadio di Genova per esordire in Serie A per giocare contro il Liguria e si ritrovò un addetto che lo bloccò perché era troppo giovane, servì chiamare qualcuno per farlo entrare in campo e segnare uno dei gol più strepitosi della storia, su una palla lunga si avventò scavalcando di testa il portiere e segnando il gol dell’1-0. Piola che segna e vince il derby da solo con la fronte spaccata e poi fasciata e la faccia insanguinata.”

“Importante ricordare figure importanti come Nesta, Gradella ma anche i grandi presidenti come Lenzini, Cragnotti e anche Lotito che nonostante le grandi avversità che ha dovuto attraversare ha portato di nuovo la squadra ai vertici oltre a regalare grande solidità finanziaria. E poi mi commuovo pensando al generale Giorgio Vaccaro: quando compì 80 anni scrissi sulla Gazzetta dello Sport su come onorare la ricorrenza e mi chiamò invitandomi a casa sua, nell’articolo gli dissi: “Lasci stare chi ha voluto infangare il suo nome, gli italiani per bene sono tutti con lei.” Mi portò a casa e ricordo che rimasi incantato nel vedere il suo nome su una collezione di “Calcio Illustrato” con una dedica per lui. Questi sono stati i più grandi dirigenti della Lazio assieme ad Olindo Bitetti, senza di loro la Lazio non sarebbe arrivata ai 120 anni.”


“Nel giorno dei 120 anni devo dire che i tifosi della Lazio sono stati grandi, pensando alle origini. I fondatori non pensavano certo di arrivare ad un anniversario così importante, non avevano fondatori, padrini o finanziatori ma sono riusciti a creare un’idea capace di andare oltre il Secolo. Come se si immaginasse un corteo capace di scalare montagne e ostacoli e di diventare un popolo partendo da un gruppo di 9 persone. Dal punto di vista sentimentale la Lazio è unica, non è una società qualunque ma è un movimento, un’idea, qualcosa che va al di là della semplice squadra di calcio.”

“La Polisportiva ha ormai decine e decine di sezioni, non riesco ad immaginare un’altra società che ha questo slancio e questa espansione, si è arrivati a questo appuntamento dei 120 anni con la prima squadra in prima pagina dappertutto. Il rammarico è che un giornale della Gazzetta dello Sport, di cui sono stato caporedattore dell’edizione di Roma, non abbia dedicato una sola parola a un anniversario così importante.”




“E’ impossibile isolare dei nomi singoli per rappresentare la storia della Lazio: il mio grande idolo è stato Silvio Piola, grandissimi calciatori come Chinaglia, Giordano, Signori e ora Immobile e anche quelli meno conosciuti alle ribalte nazionali come Fabio Poli e il suo gol nello spareggio di Napoli. Dal piccolo Vettraino che si presentò allo stadio di Genova per esordire in Serie A per giocare contro il Liguria e si ritrovò un addetto che lo bloccò perché era troppo giovane, servì chiamare qualcuno per farlo entrare in campo e segnare uno dei gol più strepitosi della storia, su una palla lunga si avventò scavalcando di testa il portiere e segnando il gol dell’1-0. Piola che segna e vince il derby da solo con la fronte spaccata e poi fasciata e la faccia insanguinata.”

“Importante ricordare figure importanti come Nesta, Gradella ma anche i grandi presidenti come Lenzini, Cragnotti e anche Lotito che nonostante le grandi avversità che ha dovuto attraversare ha portato di nuovo la squadra ai vertici oltre a regalare grande solidità finanziaria. E poi mi commuovo pensando al generale Giorgio Vaccaro: quando compì 80 anni scrissi sulla Gazzetta dello Sport su come onorare la ricorrenza e mi chiamò invitandomi a casa sua, nell’articolo gli dissi: “Lasci stare chi ha voluto infangare il suo nome, gli italiani per bene sono tutti con lei.” Mi portò a casa e ricordo che rimasi incantato nel vedere il suo nome su una collezione di “Calcio Illustrato” con una dedica per lui. Questi sono stati i più grandi dirigenti della Lazio assieme ad Olindo Bitetti, senza di loro la Lazio non sarebbe arrivata ai 120 anni.”
Avatar utente
Cri72
Località: Manziana
Messaggi: 1396
Iscritto il: 11/05/2019, 23:28

24/08/2021, 23:54

Che brutta notizia....ciao Mario che la terra ti sia lieve
In cima ar monno c'è
la Lazio mia
Avatar utente
Fiorini
Località: Roma
Messaggi: 816
Iscritto il: 12/05/2019, 11:15

25/08/2021, 10:14

Ciao Mario, grande Laziale, Lazio Patria Nostra un must
Avatar utente
Ruben Sosa
Località: Roma
Messaggi: 651
Iscritto il: 16/05/2019, 18:37

25/08/2021, 11:32

Una colonna della storia della SS Lazio.
Grazie di tutto Mario.
Avatar utente
Sindaco
Località: Roma
Messaggi: 254
Iscritto il: 12/05/2019, 11:28

25/08/2021, 11:38

i tuoi libri hanno raccontato la Lazio in tutto e per tutto , aneddoti e citazioni sconosciute ai piu' che sei sempre riuscito a trasmettere con passione e orgoglio .


ciao Mario , grande Laziale
"We're marching down to the next station...right through these lame fucks' territory"
Avatar utente
Waldganger
Località: Roma
Messaggi: 2146
Iscritto il: 11/05/2019, 21:37

25/08/2021, 17:18

Lazio Patria Nostra è la nostra Bibbia. Grazie di tutto.
Son finiti i giorni lieti, degli studi e degli amori, o compagni in alto i cuori e il passato salutiam.
simoferr83
Località: Roma
Messaggi: 1055
Iscritto il: 12/05/2019, 7:32

25/08/2021, 18:52

Ci ha lasciato un gigante di Lazialità

Torna a “Aquile in cielo”