Gli Allenatori della S.S. Lazio

La casa della S.S. Lazio
cinqueditadiviolenza
Località: Roma
Messaggi: 115
Iscritto il: 13/05/2019, 15:58

Gli Allenatori della S.S. Lazio

12/07/2019, 8:46

Storie, aneddoti, amati, odiati, mettiamo qui tutti i racconti, i pensieri e le opinioni sugli allenatori della Lazio.

Ho apprezzato molto umanamente Dino Zoff, ed anche come allenatore per me non era così scarso, ho amato Roberto Mancini, la sua Lazio è stata qualcosa di eccezionale, l'annata 2002/03 è stata indimenticabile. Ho apprezzato poi Delio Rossi e Stefano Pioli.

Inzaghi essendo l'allenatore attuale merita un topic tutto suo.

Dite la vostra!
chicco90
Messaggi: 40
Iscritto il: 12/05/2019, 0:41

12/07/2019, 10:33

Edy Reja, ci ha salvato il culo per ben due volte e secondo me non ha mai ricevuto la gratitudine/riconoscenza che si meritava.
Delio Rossi, quella corsa al derby e le lacrime per la Coppa Italia sono indimenticabili e commoventi.
Due Uomini di una grande umiltà che hanno dato tantissimo alla Lazio e per questo avranno sempre la mia stima.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 300
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

12/07/2019, 10:40

Voglio bene a Simone Inzaghi, gli voglio proprio bene, perché io ho 30 anni e Simone sta alla Lazio da quando ne avevo 10. Persona umile, calciatore magari non fenomenale ma del quale ho tantissimi bei ricordi e pochi negativi, allenatore fantastico al di là dei risultati, comunque importanti.
Per gli altri, nonostante le cascate di coppe ricordo con somma indifferenza Eriksson, mentre al contrario sono rimasto legato a Rossi, che si è trovato ad allenare una Lazio forse scalcinata ma che qualche soddisfazione ce l'ha regalata. Persona semplice, di poche parole, a ripensarci ora incredibile che sia durato 4 anni con lotito nel periodo in cui spendeva meno di zero poi.
Odio vero solo per ballardini.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 300
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

12/07/2019, 10:44

chicco90 ha scritto:Edy Reja, ci ha salvato il culo per ben due volte e secondo me non ha mai ricevuto la gratitudine/riconoscenza che si meritava.
Delio Rossi, quella corsa al derby e le lacrime per la Coppa Italia sono indimenticabili e commoventi.
Due Uomini di una grande umiltà che hanno dato tantissimo alla Lazio e per questo avranno sempre la mia stima.
Zio Edy un grandissimo, e sono d'accordo che soprattutto nel 2010 senza di lui si sarebbe messa malissimo... ma certi abbiocchi allo stadio con la sua Lazio. Madonna santa me ricordo certe partite da sonnolenza pesante tipo post pranzo de pasqua.
Avatar utente
ValerioFiori
Località: Roma
Messaggi: 138
Iscritto il: 17/05/2019, 1:21

12/07/2019, 11:03

Eppure la Lazio più bella che ho mai visto è stata quella di Zeman, il primo anno

Inviato dal mio D6603 utilizzando Tapatalk

Arimettite ndo stavi quando amo segnato
Avatar utente
blau-weiss
Località: Polonia
Messaggi: 57
Iscritto il: 15/05/2019, 15:01

12/07/2019, 11:05

Il mio avatar dice tutto. Un altro che mi piacerebbe avere in società, magari ogni tanto può pure dare due dritte sulla difesa a Simone.
JamesOwenSullivan
Località: Roma
Messaggi: 8
Iscritto il: 14/05/2019, 21:31

12/07/2019, 11:54

Petkovic e Pioli.
La prima Lazio di Pioli è stata una delle squadre più belle che ho visto giocare,uno spettacolo.
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 363
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

12/07/2019, 12:03

Partendo dall'85/86 a parte Balla-balla-ballardini e Pioli tutti gli allenatori non mi sono dispiaciuti chi per un motivo chi per un altro.
Materazzi e Caso diciamo che mi sono rimasti indifferenti.


Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
Avatar utente
LL66
Località: Roma
Messaggi: 41
Iscritto il: 15/05/2019, 23:26

12/07/2019, 13:45

Petkovic. Un girone d'andata da paura con una squadra a dir poco corta, un Europa League maestosa di cui ho ancora gli incubi per quello scozzese bastardo, e infine LA VITTORIA. Con un po' più di fortuna avrebbe portato a casa anche il derby post 26 maggio che li avrebbe spediti al ponte d'Ariccia e magari poteva cambiarci la nostra stagione. Peccato per quel 4-0 in Supercoppa e per gli ultimi mesi.

Per il futuro già nomino Tommasino Rocchi
Polverton
Località: Roma
Messaggi: 13
Iscritto il: 13/05/2019, 14:13

12/07/2019, 14:26

Io dico tre nomi, quelli che ci hanno in un modo o nell'altro creato e salvato l'esistenza sia reale che sportiva, uno ovviamente è Tommaso, primo per distacco infinito, nasce da lui la storia moderna della SSLazio, il secondo è Eugenio che ci salvato dalla fine e l'altro è Papadopulo, dopo il quasi fallimento e la quasi certa retrocessione in B con Caso, quel derby vinto e la salvezza hanno permesso di ripartire ed arrivare ad oggi. SFL
foketto
Località: San Lucido (CS)
Messaggi: 392
Iscritto il: 09/05/2019, 19:42

12/07/2019, 14:42

Maestrelli è fuori concorso : umanamente unico,tatticamente avanti di molti anni,antesignano del calcio totale e in linea con quello olandese, poi ripreso in parte da Radice al Torino. La Lazio aveva terzini che scendevano ed attaccavano,cosa che altre squadre hanno iniziato anni dopo (la Juventus in particolare con Cabrini e Gentile) e la sua Lazio aveva un gioco avvolgente,non era "soltanto" cuore,giocava cortissima per essere una squadra dell'epoca,dove ricordo che il fuorigioco in linea era chiamato fuorigioco appunto,dove le squadre erano asserragliate nella propria metà campo con la licenza (che bellezza!) di picchiare alla bisogna.

Dopo di lui,sono molti gli allenatori che mi sono piaciuti : Fascetti sapeva il fatto suo,mentre la LAZIO più "fluida" e contemporaneamente non scriteriata,per me è stata quella di Mancini.

Zoff è stato sottovalutato da molti,me compreso : uomo di sport,di calcio,di spogliatoio... e per certi versi Uomo Lazio visto quello che ha ricevuto e dato al contempo.
Questa Maglia quando ti entra nel cuore lo avvolge e ne assume le sembianze. Ma che ne sanno gli altri... (Fefè).
Avatar utente
Ruben Sosa
Località: Roma
Messaggi: 15
Iscritto il: 16/05/2019, 18:37

12/07/2019, 15:16

Bel topic.
1) Edy Reja. Bellissimi ricordi di stadio a fianco del Maresciallo. Dietro quelle trincee d'inverno sembrava di stare sul Carso invece che al Foro Italico.
2) Petkovic. Storia lazialissima. Accolto tra la risate generali della stampa (il bidello :54 ) e diventato poi l'uomo della storia.
3) Zoff e Eriksson. Gli voglio bene e basta perchè sono stati gli allenatori della mia prima Lazio e della più vincente.
Avatar utente
Cri72
Località: Manziana
Messaggi: 311
Iscritto il: 11/05/2019, 23:28

12/07/2019, 15:18

Eugenio Fascetti: senza di lui, e quel manipolo di pazzi furiosi, non saremo qui a ricordare scudetto, coppe europee e tanto altro.
Dino Zoff: umanamente e calcisticamente inattaccabile...ma nonostante tutto je cantavamo dino vattene o striscioni del tipo "dino in banchina, cayard in panchina"
Sven Goran Eriksson: Scudetto, Coppa Italia, Coppa delle Coppe, Supercoppa Europea, Supercoppe Italiane...avoja a dire "eh ma co quello squadrone ha vinto poco"...per una società che fino ad allora aveva vinto uno scudetto e una coppa italia nel 1958 non è poco per niente....mettici pure che lui aveva 25 fenomeni e ne doveva far giocare "soltanto" 11, tenere buoni gli altri 14 è comunque da grande allenatore e da grande uomo
In cima ar monno c'è
la Lazio mia
Avatar utente
sololamaglia85
Località: Roma
Messaggi: 59
Iscritto il: 12/05/2019, 12:55

12/07/2019, 16:03

Edy Reja, senza di lui nel 2010 andavamo in B.
Delio Rossi, grandi esultanze e lazialità unica.
Roberto Mancini, la Lazio più bella mai vista.
Jimmy
Messaggi: 259
Iscritto il: 11/05/2019, 21:17

12/07/2019, 16:34

Allora:DICO SIMONE INZAGHI PER LA SUA LUNGA MILITANZA IN QUESTO CLUB.
Stop.
Il Sigaro
Località: Roma
Messaggi: 134
Iscritto il: 16/05/2019, 10:26

12/07/2019, 17:11

Se si va molto a ritroso, ovviamente, persone come Maestrelli e Fascetti meritano una menzione speciale se non altro perché, a modo loro, hanno fatto la storia di questa Società.
Restando ai tempi recenti, diciamo gli anni 2000, la Lazio di Mancini era bellissima. Delio Rossi e Edy Reja sono due figure alle quali non si può che voler bene, due uomini veri, duri ma capaci di commuoversi e di adirarsi come tifosi, nonostante siano alquanto diversi come allenatori.
Inzaghi ha tutto per restare nella nostra storia, e per molti versi già ne fa parte. La sua Lazio a me piace moltissimo, lui mi piace moltissimo come allenatore.
Caso e Papadopulo sono due figure minori.
Ballardini una pippa d'uomo.
Pioli cacata.
Avatar utente
panacea76
Località: Roma
Messaggi: 18
Iscritto il: 12/05/2019, 8:45

12/07/2019, 18:53

Zaccheroni... Ho ancora gli incubi!
Avatar utente
Massy73
Messaggi: 363
Iscritto il: 11/05/2019, 22:28

12/07/2019, 19:34

Simoni pure grande persona in una periodo buio come la pece.

Inviato dal mio SM-T595 utilizzando Tapatalk

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur
aquila nel cuore
Località: Aquileia (UD)
Messaggi: 14
Iscritto il: 12/05/2019, 12:31

13/07/2019, 1:46

Ho avuto l'onore ed il privilegio di gioire allo scudetto 1973-74 della banda Maestrelli, per cui resterà per sempre L'Allenatore della Lazio.
Poi inevitabilmente Eriksson per i titoli vinti e la bella Lazio di Mancini e Petkovic.
Un grande abbraccio e un grazie a Edy Reja e Delio Rossi.

Ma ora mi voglio godere il Laziale Inzaghi che ha già dato ed ottenuto molto a/da questa squadra.
E che, per me, avrà ancora tanto da scrivere nella storia biancoceleste.
Avatar utente
Waldganger
Località: Roma
Messaggi: 308
Iscritto il: 11/05/2019, 21:37

13/07/2019, 13:20

panacea76 ha scritto:Zaccheroni... Ho ancora gli incubi!
Non me lo toccate, che col Salumiere ho vissuto i più alti momenti di goliardia in curva. 90 minuti più recupero a ride da sentisse male. Sportivamente una merda.
Son finiti i giorni lieti, degli studi e degli amori, o compagni in alto i cuori e il passato salutiam.
Avatar utente
Lory Eagle
Località: Siviglia
Messaggi: 134
Iscritto il: 11/05/2019, 21:25

14/07/2019, 0:01

panacea76 ha scritto:
12/07/2019, 18:53
Zaccheroni... Ho ancora gli incubi!
Zaccheroni....Maledetto lui ed il suo cappotto da vecchio!! C'ho l'occhi che ancora me lacrimano per quei cazzo di lacrimogeni, limor*@!!i sua!!!
Odio vero per quell'essere indecente di Ballardini, più falso di una banconota del monopoli.
Altro senza spina dorsale è quello zozzo di Pioli, anche se il primo anno giocavamo bene.
Lorenzo che sventura... i pianti che mi ha fatto fare da regazzino

Affezionato a Mister Eugenio Fascetti, nel bene e nel male era unico.
Zeman è stato amore e odio.
Materazzi mi riporta al derby di Di Canio e le curve che "venivano giù" al Flaminio, ricordo il gol di Ruben Sosa contro la cremonese, mi sono ritrovato 20 file di sotto con mio padre disperato. Il mister aveva una Lazio modesta, ma lottava con tanto cuore.
Dino Zoff una personalità unica, secondo me buon allenatore per costruire le basi in una Lazio pronta ad esplodere.
SVENGO mito assoluto, ha gestito una banda di campioni con la pressione dei pennivendoli che creavano una zizzania unica. Ha vinto molto, ma poteva vincere di più.
Ha dato uno stile inconfondibile alla squadra più forte di quel periodo.
Mancio mi ha fatto passare bei momenti allo stadio, la Lazio giocava veramente bene.
Delio Rossi e le sue corse ce le ho nel cuore, grandissima persona, testimoniata dalla stecca che diete a quello stronzo di Ljajic.
Pektovic, fu sfortunato ed in quella seconda parte della stagione ci fu anche qualche errore della società. Ricordo la partita Lazio Catania di coppa italia l'8 gennaio 2013, ci qualificammo per la semifinale ed andammo con i miei cugini a festeggiare in piazza della libertà, eravamo a 2 punti dalla juve di Conte.. da li gli infortuni: Klose stirato, Hernanes da la capocciata in terra sta fuori per diverse partite e quando torna è costretto a giocare col caschetto e Mauri si infortuna esultando dopo il gol al Napoli... che sfiga! Il tutto però ripagato poi col 26 maggio. Indimenticabile.
Simone nostro, deve rimanere il più possibile, ha la stoffa del campione, in tre anni due trofei ed una continua crescita.
La società deve supportarlo sempre!
"...Uber preferì abbandonare il calcio piuttosto che indossare una maglia diversa da quella biancoceleste.."
cinqueditadiviolenza
Località: Roma
Messaggi: 115
Iscritto il: 13/05/2019, 15:58

14/07/2019, 8:41

Lory Eagle ha scritto:
14/07/2019, 0:01
panacea76 ha scritto:
12/07/2019, 18:53
Zaccheroni... Ho ancora gli incubi!
Zaccheroni....Maledetto lui ed il suo cappotto da vecchio!! C'ho l'occhi che ancora me lacrimano per quei cazzo di lacrimogeni, limor*@!!i sua!!!
Odio vero per quell'essere indecente di Ballardini, più falso di una banconota del monopoli.
Altro senza spina dorsale è quello zozzo di Pioli, anche se il primo anno giocavamo bene.
Lorenzo che sventura... i pianti che mi ha fatto fare da regazzino

Affezionato a Mister Eugenio Fascetti, nel bene e nel male era unico.
Zeman è stato amore e odio.
Materazzi mi riporta al derby di Di Canio e le curve che "venivano giù" al Flaminio, ricordo il gol di Ruben Sosa contro la cremonese, mi sono ritrovato 20 file di sotto con mio padre disperato. Il mister aveva una Lazio modesta, ma lottava con tanto cuore.
Dino Zoff una personalità unica, secondo me buon allenatore per costruire le basi in una Lazio pronta ad esplodere.
SVENGO mito assoluto, ha gestito una banda di campioni con la pressione dei pennivendoli che creavano una zizzania unica. Ha vinto molto, ma poteva vincere di più.
Ha dato uno stile inconfondibile alla squadra più forte di quel periodo.
Mancio mi ha fatto passare bei momenti allo stadio, la Lazio giocava veramente bene.
Delio Rossi e le sue corse ce le ho nel cuore, grandissima persona, testimoniata dalla stecca che diete a quello stronzo di Ljajic.
Pektovic, fu sfortunato ed in quella seconda parte della stagione ci fu anche qualche errore della società. Ricordo la partita Lazio Catania di coppa italia l'8 gennaio 2013, ci qualificammo per la semifinale ed andammo con i miei cugini a festeggiare in piazza della libertà, eravamo a 2 punti dalla juve di Conte.. da li gli infortuni: Klose stirato, Hernanes da la capocciata in terra sta fuori per diverse partite e quando torna è costretto a giocare col caschetto e Mauri si infortuna esultando dopo il gol al Napoli... che sfiga! Il tutto però ripagato poi col 26 maggio. Indimenticabile.
Simone nostro, deve rimanere il più possibile, ha la stoffa del campione, in tre anni due trofei ed una continua crescita.
La società deve supportarlo sempre!
Perdonami Lory, sullo svedese non d'accordo, nel senso che puoi anche considerarlo un personaggio positivo nella storia della Lazio, ma quella squadra non aveva uno "stile inconfondibile" se ti riferisci al gioco, quella Lazio vinceva per i campioni, a differenza della Lazio del 74, da quello che mi racconta mio padre ed i "vecchi" laziali, Maestrelli aveva dato alla Lazio uno gioco innovativo e quasi unico in Europa, anche se viene ricordato solo per le sue immense doti umane. Eriksson è stato una delusione per me, dal punto di vista del gioco.
Avatar utente
Stock
Messaggi: 300
Iscritto il: 11/05/2019, 22:29

14/07/2019, 9:20

Eriksson con molta probabilità era l'allenatore "giusto" per quella Lazio, nel senso che per gestire quello spogliatoio con 30 titolari e personalità esplosive come mancio, sinisa, simeone, couto, nedved eccetera, non serviva un protagonista ma un uomo freddo e razionale. Oltretutto credo che dobbiamo a lui il fatto di aver avuto l'ossatura di quella squadra, visto che erano tutti suoi fedelissimi. Quindi probabilmente lui è stato l'artefice dello scudetto, nei fatti. Però il dubbio che quella squadra, con capello o un allenatore più "cattivo", avrebbe vinto il doppio, non me lo toglierà mai nessuno. E sì, dal punto di vista del gioco quella Lazio non era certo spettacolare.
Eterno grazie a Sven comunque. Vincere uno scudetto a Roma è sempre un'impresa, anche se alleni la squadra dei sogni come era la Lazio di quel periodo.
El Pelat
Messaggi: 22
Iscritto il: 11/05/2019, 23:31

14/07/2019, 11:27

Eppure quando arrivò in Italia Eriksson era uno Zeman più spregiudicato.
Avatar utente
Blevins
Località: Roma
Messaggi: 235
Iscritto il: 12/05/2019, 8:07

14/07/2019, 11:33

l'unica cosa che contesto a erikkson, ma anche a cragnotti, è stata la gestione di quella storia con la nazionale inglese
per il resto quali sono i rimpianti della sua gestione? lo scudetto del '99 e la champions del 2000, ma non mi sentirei di accollarglieli sinceramente

Torna a “Piazza della Libertà”